Attività sportive - Domande frequenti

Sì, se riconosciute di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva.

Dal 26 ottobre al 24 novembre sono sospese tutte le altre competizioni degli sport individuali e di squadra.

Sì, purché svolto individualmente e all’aria aperta (per esempio, l'automobilismo può essere svolto solo amatorialmente, senza la necessità di strutture e/o l’impiego di meccanici e tecnici). Non è possibile al momento svolgere gare.

Dal 26 ottobre al 24 novembre 2020 sono vietati gli sport di contatto a livello amatoriale (es: partite di calcetto).

Sono attività consentite se svolte individualmente all’aperto (al momento solo al mare) nel rispetto di tutti gli accorgimenti richiesti dalle attuali disposizioni nazionali e regionali. Le immersioni subacquee sono autorizzate solo da terra, nel rispetto di tutte le prescrizioni.

Sì, purché vi sia una giustificazione ragionevole (per esempio raggiungere un circolo, un autodromo, ecc.).

L’Ordinanza n. 221 del 6 maggio 2020 consente di praticare le attività sportive amatoriali nei rispettivi impianti, centri o circoli sportivi, purché siano rispettati gli obblighi indicati nell’art. 3.

Sono consentiti sul territorio regionale tutti gli sport amatoriali all’aria aperta (per esempio il tennis) da svolgere esclusivamente in forma individuale. Non è possibile sotto strutture coperte integralmente, lo è se se il telo è parziale, ovvero se le coperture sono aperte sui laterali in modo da permettere un ricambio di aria equiparabile a una struttura all’aperto.

Gli Atleti, professionisti e non professionisti, nel rispetto delle prioritarie esigenze di tutela della salute connesse al rischio di diffusione da Covid-19, possono svolgere attività sportiva individuale su aree pubbliche individuate da ciascun Comune e nel rispetto delle ordinanze dei singoli Sindaci. Non è possibile svolgere attività in gruppo.

Si può svolgere sport individuale all’aperto in spazi di proprietà privata nel rispetto della normativa. Non si possono svolgere sport di contatto.

Le aree sono individuate da ciascun Comune. Con ordinanza il Sindaco può disciplinarne l’accesso. Non è possibile svolgere attività in gruppo.

In caso di controlli le autorità competenti possono richiedere la compilazione dell’autocertificazione che attesti lo svolgimento dell’attività sportiva nel rispetto del DPCM 26 aprile 2020.

Sì, l'ordinanza n. 221 del 6 maggio 2020 autorizza lo svolgimento, sul territorio regionale, di tutti gli sport amatoriali e individuali all’aria aperta, da praticare in forma individuale ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti. .

Sì, nel rispetto della normativa nazionale e regionale in materia di sicurezza e rispetto delle distanze sociali. Non è possibile fare raduni. È consentita l’attività in forma individuale, salvo per i familiari conviventi.