Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

Gestione Pubblica Servizio Idrico Integrato: incontro in Presidenza

Dando seguito alla mozione approvata dal Consiglio regionale sul tema “Acqua Bene Comune”, è stata convocato per giovedì 13 aprile, alle ore 11.00, l’incontro relativo alla gestione pubblica del Servizio Idrico Integrato.
Alla riunione, convocata presso la sede della Presidenza della Regione (l.mare N. Sauro, 31.33), parteciperanno i componenti il Tavolo Tecnico, istituito con la DGR 370/2017, in rappresentanza della Presidenza della Giunta regionale, dell’Assessorato alle Opere Pubbliche , dell’Autorità Idrica Pugliese e di AQP spa

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 17:19  » Prossimi appuntamenti e conferenze stampa «
TAP. Nota riepilogativa del contenzioso

 

Di seguito una nota riepilogativa del contenzioso Tap a cura dell’Avvocatura regionale.

Nell’ambito del procedimento di rilascio dell’autorizzazione per il Gasdotto TAP, la Regione Puglia ha sempre fermamente manifestato il dissenso espresso e motivato sull’opera TAP, con particolare riferimento alla scelta progettuale del punto di approdo a San Foca; il MISE ha sempre pervicacemente omesso di prendere in considerazione le istanze pervenute - dalla Regione, dal Comune di Melendugno, da tutte le associazioni coinvolte, dai cittadini - circa l’effettiva possibilità di modificare il punto di approdo dell’opera.

1.La Regione Puglia ha impugnato dinanzi al TAR del Lazio – Roma la nota prot. n.39846/2014 con cui il Ministero dell’Ambiente ha ritenuto “superata” la prescrizione VIA A)13 contenuta nel decreto di compatibilità ambientale n.223/2014 con la quale era stata imposta l’applicabilità della normativa c.d. “Seveso”, ovvero il rilascio del N.O.F. (nulla osta di fattibilità) al terminale di depressurizzazione (PRT) del gasdotto, da realizzarsi nel territorio a San Foca Comune di Melendugno.
La Regione ha altresì impugnato dinanzi al TAR del Lazio – Roma anche il Decreto MISE di rilascio dell’autorizzazione unica alla realizzazione del Gasdotto TAP.
Entrambi i ricorsi riuniti sono stati respinti con sentenza n.2108/2016.
Avverso tale sentenza la Regione ha proposto appello dinanzi al Consiglio di Stato.
Tuttavia, il Consiglio di Stato dopo aver riunito l’appello della Regione all’analogo appello proposto dal Comune di Melendugno, con sentenza n.1392/2017, ha respinto entrambe le impugnazioni.

2.La Regione Puglia, con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica trasposto in sede giurisdizionale dinanzi al Tar del Lazio – Roma (pendente per la fissazione dell’udienza di merito) ha impugnato anche il Decreto MISE con il quale l’opera TAP è stata inserita nell’elenco dei gasdotti facenti parte della rete nazionale.

3. Il Presidente della Regione – in data 21.6.2016 - ha presentato una motivata istanza di autotutela al Ministro (rimasta a tutt’oggi priva di riscontro) chiedendo l’annullamento o la revoca della medesima autorizzazione. Invero, la Corte Costituzionale (con sentenza interpretativa di rigetto n.110/2016) ha recentemente sancito che ai fini della localizzazione e realizzazione dei gasdotti, come quello di specie, lo Stato ha l’obbligo di cercare una intesa forte (paritetica) con le Regioni interessate, sin dalla fase delle operazioni preparatorie necessarie alla redazione dei progetti e relative opere connesse. Invece, nel caso del gasdotto TAP, la ricerca di un’intesa forte con la Puglia sin dalle fasi preparatorie propedeutiche alla redazione del progetto non c’è stata, con conseguente violazione delle prerogative costituzionali dell’Ente territoriale. Il MISE ha coinvolto la Regione Puglia solamente in sede di VIA (a progetto già definito) ricercando l’intesa nella fase conclusiva del procedimento, ormai incanalato nell’unica irretrattabile scelta progettuale (la seria considerazione della ipotesi progettuale alternativa avrebbe infatti dovuto comportare il riavvio del procedimento e una nuova procedura VIA, incompatibili con i tempi TAP). A tale nota non è mai seguito alcun riscontro, né, tantomeno, sono stati adottati i provvedimenti sollecitati. Con successiva nota del 21.09.2016, il Presidente della Regione ha quindi diffidato il Ministero dello Sviluppo Economico a disporre la revoca/annullamento del decreto di rilascio dell’Autorizzazione Unica alla realizzazione del gasdotto TAP, entro e non oltre il termine di trenta giorni dal ricevimento della medesima diffida. In considerazione del silenzio formatosi su tale ultima diffida, la Regione in data 10.12.2016, ha proposto ricorso per conflitto di attribuzione dinanzi alla Corte Costituzionale (tutt’ora pendente).

 

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 16:16  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Oropan. Dopo gli investimenti Pia, occupati incrementati più delle previsioni

 
Capone: “Esempio virtuoso di investimenti con risorse pubbliche”

Trentanove assunti invece che 9. Avviene di questi tempi ad Altamura, in provincia di Bari.
L’impresa agroalimentare Oropan Spa investendo con l’incentivo regionale dei Pia (Programmi integrati di agevolazione) più di 13 milioni di euro (di cui 5 milioni le risorse pubbliche) innova con impianti di produzione e confezionamento altamente tecnologici e soprattutto porta i suoi dipendenti da 81 a 120. Avrebbe dovuto aggiungerne 9 secondo il progetto presentato, e invece ne assume 39.
A darne notizia è l’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone che ha partecipato oggi, con il direttore generale di Puglia Sviluppo Antonio De Vito, alla presentazione delle innovazioni introdotte con la realizzazione del progetto Pia, nella sede dell’azienda ad Altamura.
“Quando un’impresa grazie ad un nostro incentivo – ha sottolineato Loredana Capone – non solo innova ma aumenta gli occupati anche oltre le previsioni, allora vuol dire che le politiche regionali hanno adempiuto a due dei loro obiettivi principali: sostenere l’innovazione e l’occupazione. In questo Oropan può essere considerata un modello virtuoso per tutte le imprese pugliesi. Ha mantenuto il valore della tradizione e allo stesso tempo ha consentito la crescita dell’indotto con il miglioramento del packaging ottenuto grazie a ricerca e innovazione. Questo ha permesso ad un prodotto croccante di attraversare gli oceani”.
“Speriamo – ha continuato l’assessore – di poter raccontare a lungo e per molte altre volte storie esemplari come questa. A tutte le altre imprese voglio dire che la Regione insieme a Puglia Sviluppo c’è con incentivi sempre attivi e adatti a tutte le imprese e con un ascolto costante in tutte le fasi dell’investimento.
“Il Pia è uno strumento di incentivazione che nella nuova programmazione ci ha permesso di agevolare già investimenti per quasi 412 milioni. Ha un potenziale altissimo perché dotato di tre diverse declinazioni: Medie imprese, Piccole imprese e Turismo. L’auspicio è che tante altre imprese come Oropan approfittino di questa importante opportunità”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 15:02  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Infortunio a Emiliano a Acquaformosa

Durante una visita al Comune di Acquaformosa (CS) per verificare le modalità di accoglienza dei migranti in quel comune, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha avuto un incidente ortopedico al piede destro (sospetta rottura tendine di Achille) a seguito del quale sta raggiungendo una struttura ospedaliera pubblica.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 13:35  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Sanità. PPI Vieste, Ruscitti: "Regione attenta. Nessuna riduzione di servizi"

 

“Nessuna riduzione dei servizi sanitari per gli abitanti di Vieste. Anzi, stiamo lavorando per garantire il diritto alla salute e l’accesso alle cure proprio in quei territori, come la Capitanata, particolarmente complessi. Anche in occasione dell’arrivo dell’estate e dell’aumento ponderoso delle presenze turistiche, non faremo mancare l’erogazione dei servizi sanitari fondamentali e di urgenza, tra i quali certamente quello relativo all’attivazione del secondo elisoccorso di base a Vieste”.

Così il direttore del Dipartimento delle Politiche della salute della Regione Puglia Giancarlo Ruscitti, interviene sulle molteplici e strumentali polemiche esplose in relazione all’attuazione del Piano di riordino ospedaliero in Capitanata ed in particolare a Viste, dove si prevede la trasformazione del PPI (punto di primo intervento) in PPIT, punto di primo intervento territoriale, direttamente gestito dal Sistema del 118. Tra l’altro, il direttore Ruscitti sarà proprio in Capitanata, insieme con il direttore generale della Asl Foggia Vito Piazzolla, per incontrare alcuni sindaci del territorio, il prossimo martedì 11 aprile (tra questi il primo cittadino di Vieste, nonché presidente della Conferenza dei sindaci del Distretto socio sanitario di Vico, Giuseppe Nobiletti, e lo stesso sindaco di Vico del Gargano, comune capofila del Distretto, Michele Sementino).

“Come più volte ha ricordato anche il presidente Emiliano – ha ribadito Ruscitti – il Piano di riordino va applicato sui territori perché è in atto una rivoluzione nella sanità di cui non possiamo non tener conto. Oggi lavoriamo sulla sanità di qualità e non più sulla sanità di quantità. Meno ospedali piccoli e pericolosi, più servizi sanitari territoriali con pochi ospedali che raccolgano le migliori competenze. Il PPI di Vieste non sarà affatto smantellato, ripeto, non ci sarà nessuna riduzione di servizi sanitari. La rete di emergenza urgenza infatti non è stata ancora definita completamente, motivo per cui il PPIT gestito dal sistema del 118, non potrà essere ancora operativo. Per ora, quindi, è molto probabile che si vada ad una deroga per la chiusura del punto di primo intervento. Nel frattempo, insieme con la Asl Foggia, stiamo studiando le ipotesi migliori per mettere in sicurezza tutto il territorio, anche in vista della prossima estate. A breve – ha concluso Ruscitti - ci sarà il bando per il secondo elisoccorso che avrà come sede proprio la città di Vieste”.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 12:43  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Tap: Tar Lazio sospende autorizzazioni espianto ulivi dopo ricorso Regione

Il Tar del Lazio ha sospeso l’autorizzazione all’espianto degli ulivi nell’area del cantiere Tap di Melendugno (Le), dopo il ricorso della Regione Puglia. Il Presidente del Tar del Lazio, con decreto 1753/2017, ha infatti accolto l’istanza presentata dalla Regione Puglia per l’annullamento - previa sospensione - delle Note del Ministero dell’Ambiente con cui è stata dichiarata pienamente ottemperata la prescrizione “A44”, riferita alla cosiddetta fase 0 dei lavori, autorizzando TAP all’espianto degli Ulivi ricadenti nell’area interessata dal cantiere. Il Tar ha sospeso l’efficacia dei provvedimenti gravati, nei limiti precisati in motivazione, in attesa della discussione dell’istanza cautelare in Camera di Consiglio fissata per il giorno 19.04.2017.

In particolare, il Tar ha ritenuto che – essendo già state avviate le operazioni di espianto – la misura cautelare richiesta possa venire accordata, “ai soli fini dell’immediato riesame dell’atto impugnato da parte del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), con riferimento sia alle osservazioni e alle competenze della Regione (specificate nella citata prescrizione A44), sia in base all’avvenuta presentazione al medesimo Ministero, da parte di T.A.P. , di istanza di verifica di assoggettabilità a VIA del progetto esecutivo, relativo alla realizzazione del microtunnel; quanto sopra, a fini di ottimizzazione e adeguato scaglionamento temporale degli interventi di cui trattasi, in considerazione dei tempi tecnici necessari per le fasi procedurali ancora da svolgere, senza pregiudizievoli situazioni di stallo e fatta salva la ricerca delle soluzioni più opportune, per il soddisfacimento dei molteplici interessi pubblici coinvolti”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 11:04  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Capone a incontro con Puglia Sviluppo presso impresa agroalimentare di Altamura
L'assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Loredana Capone, giovedì 6 aprile alle ore 12,15 parteciperà, con il direttore generale di Puglia Sviluppo Spa, Antonio De Vito, all'incontro organizzato dall'impresa agroalimentare Oropan Spa ad Altamura nella sede dello stabilimento (SS 96 Km 5,4). Durante l'incontro saranno rappresentati, insieme al management aziendale, i risultati positivi del Progetto Pia di Ampliamento, Sviluppo e Innovazione della base produttiva.
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 00:33  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Di Gioia: novità per il bando sostanza organica per i suoli agricoli
A pochi giorni dalla pubblicazione della graduatoria del primo bando, così come preannunciato dall’assessore regionale alle Risorse agroalimentari, Leonardo di Gioia, e dal direttore di Dipartimento Agricoltura e Autorita di Gestione, Gianluca Nardone, viene pubblicato il secondo avviso pubblico dell’Operazione 10.1.2 del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Puglia, dedicato all’Incremento della sostanza organica nei suoli. L’operazione è dotata di 50 milioni di Euro e, indipendentemente dalla coltura praticata, prevede un impegno di 5 anni a partire dal 15 maggio 2017. “Le novità dell’avviso, pubblicato con la DAG 46 del 30 marzo 2017 - sottolinea Nardone -, riguardano il rifinanziamento dell’operazione e l’introduzione di nuovi criteri di selezione per permettere di soddisfare parte delle oltre 4.000 domande che non hanno potuto godere dei benefici previsti dal primo provvedimento”. “Il primo bando – sottolineano – ha ricevuto un’attenzione altissima: il numero di domande pervenute è un chiaro segnale di quanto sia importante per gli agricoltori investire di più e meglio per ripristinare un corretto tenore di sostanza organica ed aumentare la produttività dei terreni. Purtroppo, le limitate risorse inizialmente messe a disposizione dal PSR non hanno consentito di soddisfare il fabbisogno emerso. Per tale motivo, nell’ambito dell’annuale relazione bilaterale sull’andamento del PSR, la Regione Puglia ha chiesto e ottenuto dalla Commissione Europea la possibilità di spostare 50 milioni di Euro su questa operazione e d bandire, da subito, un secondo avviso”. “Ulteriore novità dell’avviso - tiene a precisare l'assessore di Gioia - è l’aver modificato, in virtù della consultazione del Comitato di Sorveglianza del PSR Puglia avviata lo scorso 23 marzo, i criteri di selezione adeguandoli alle peculiarità e fabbisogni del nostro sistema agricolo. In particolare, i criteri adottati sono improntati ad un criterio di equità piuttosto che di efficienza. Gli aiuti saranno concessi agli appezzamenti con maggiore carenza di sostanza organica e, in caso di parità, favorendo i corpi aziendali di minori dimensioni. Per effetto di tale modifica, se nel primo bando sono state selezionate le domande delle aziende di grandi dimensioni, fino a un massimo di 100 ettari, con il nuovo avviso si premieranno soprattutto le aziende che presentano corpi aziendali di piccole estensioni. Un criterio assolutamente in linea con le caratteristiche strutturali delle nostre aziende, costituite da una forte frammentazione fondiaria ma anche con la difficile convergenza economica in cui le tante aziende regionali convivono”. “Alla luce delle novità -conclude - si invitano tutti gli agricoltori che non sono stati selezionati con il primo bando a ripresentare la domande di ammissione, anche in considerazione del fatto che non verranno richieste nuove analisi del terreno considerando che quelle già presentate dai potenziali beneficiari hanno validità cinque anni. Tale invito vale anche per le numerose aziende (102) che sono state dichiarate ammissibili all’istruttoria considerando che, data la capienza economica, sarà utile a soddisfarne poco più di 30”.
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 05 Aprile 2017 @ 18:07  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Presentato alla Bit 2017 il progetto"Illuminiamo la Puglia Imperiale” del Mibact

 
Tredici comuni insieme per organizzare un viaggio nelle terre di Federico II
Emiliano e Capone: “Vincente la strategia condivisa dai comuni per la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale in nome del grande Federico II”


Finanziato con 300 mila euro dal Mibact (Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo), il progetto "Illuminiamo la Puglia Imperiale. Viaggio nelle terre di Federico II tra storia miti e leggende”, che coinvolge ben 13 Comuni dell’area Puglia Imperiale, è stato presentato ufficialmente nello stand di Pugliapromozione alla Bit di Milano.
“I sindaci hanno mostrato grande lungimiranza nel concordare e definire insieme strategie ed interventi che incidano più efficacemente sullo sviluppo turistico-culturale della Puglia Imperiale, un’area che, grazie anche alla presenza del sito Unesco di Castel del Monte e alla modernità del tema federiciano, può diventare un territorio turisticamente rilevante e ricco di attrattori culturali.” Questo il commento del Presidente della regione Puglia, Michele Emiliano che ha voluto essere presente all’appuntamento milanese del gruppo di Comuni (Corato, Andria, Barletta, Bisceglie, Canosa di Puglia, Margherita di Savoia, Minervino Murge, Ruvo, San Ferdinando, Spinazzola, Terlizzi, Trani e Trinitapoli), che insieme rappresentano un tessuto identitario, culturale, storico e paesaggistico e hanno una esperienza pluriennale di progetti integrati condivisi “dal basso”. Hanno partecipato all’incontro l’Assessore all’Industria turistica e culturale, Loredana Capone,il sindaco di Corato, Massimo Mazzilli, e il referente di Puglia Imperiale per il Patto territoriale nord barese ofantino, Alessandro Buongiorno.

“Noi abbiamo insieme un sogno, una missione e un dovere: trasformare il grande patrimonio artistico e culturale della Puglia in attrattori turistici e culturali veri – ha commentato l’Assessore all’Industria Turistica e culturale della Regione, Loredana Capone – Al momento sono pochi i Beni culturali che sono diventati attrattori veri e sono tanti quelli possibili su cui lavorare. Chiunque viene in Puglia trova una bellezza straordinaria , e l’area della Puglia Imperiale è sicuramente una delle più ricche, ma ancora molti dei beni di cui la Puglia dispone non sono veri attrattori culturali perché non è stato ancora costruito un prodotto turistico, con servizi, trasporti accoglienza, strutture ricettive, attività di marketing e comunicazione integrati, che garantiscano la valorizzazione del bene e la reale possibilità di fruire il bene in modo completo e innovativo, legandolo al brand Puglia. Per questo il progetto, che ha già il pregio di vedere insieme ben tredici comuni,è una occasione unica per arrivare a questo obiettivo, per realizzare questo sogno che richiede un grande impegno, a cominciare dalla semplice questione degli orari di apertura”.

La presenza alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano è stata strategica per lo sviluppo turistico e culturale di quest’area: nel corso della manifestazione milanese Puglia Imperiale è stata presente anche nel segmento MICE (turismo congressuale), dove ha registrato numerosi contatti con operatori nazionali ed internazionali interessati a portare eventi di vasta portata nel territorio.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 05 Aprile 2017 @ 16:13  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Inaugurata al Salone del Mobile di Milano la mostra “Puglia crossing identities”

 
Emiliano e Capone “Qui il meglio della creatività made in Puglia”

Il meglio della creatività e dell’innovazione made in Puglia nella mostra “Puglia crossing identities”, voluta dalla Regione Puglia e in esposizione al Salone Internazionale del Mobile fino al 9 aprile 2017.
È stata inaugurata stamattina a Milano dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dall’assessore regionale allo Sviluppo economico Loredana Capone.
Gli oggetti esposti sono stati realizzati grazie ad un percorso di collaborazione da 36 designer pugliesi e 22 imprese, gli uni hanno creato e gli altri hanno prodotto arredi e complementi ispirati al tema dell’accoglienza e della ricettività turistica.

“Ci sono dei giovani strepitosi che hanno fatto cose fantastiche”, ha detto il presidente Emiliano. “Noi stiamo solo provando a mettere in contatto questi designer pugliesi con la filiera industriale sperando che le loro carriere poi si sviluppino secondo il loro talento. È un’emozione grandissima. Hanno fatto dei lavori magnifici che sono contenuti nel catalogo che tutti potranno trovare nei siti della Regione Puglia. In questo modo pensiamo di aver fatto il nostro dovere essenziale, quello di consentire alla generazione successiva di cominciare la propria vita produttiva e l’abbiamo fatto nella seconda città della Puglia che è Milano dove ci sentiamo a casa. Sentiamo che questa città protegge la nostra capacità produttiva, la nostra fantasia e soprattutto ci rispetta”.
“Sfondare a Milano - ha aggiunto Loredana Capone - per la Puglia significa entrare in un luogo internazionale in cui abbiamo la possibilità di investire veramente sui giovani, sulle nostre imprese e contemporaneamente sul design, sulla ricerca, sull’innovazione, sulla capacità di far vedere la Puglia per le strutture ricettive e per la creatività come un luogo di accoglienza. Perché questo è la Puglia: un luogo accogliente e dinamico che sa investire sulla qualità dei propri talenti, che sa valorizzare il suo paesaggio, per il quale ci battiamo con tutte le nostre forze, e al contempo aiutare gli imprenditori a realizzare quelle attività di qualità che tutti chiedono, sia le imprese che vogliono investire in Puglia, sia i turisti che vogliono venire qui a passare un vacanza”.

Tra gli oggetti esposti grandi tavoli che si trasformano in tavolieri dotati di mattarello o si piegano come origami, arredi componibili in innumerevoli forme, persino una struttura da campeggio costituita da moduli esagonali e pentagonali il cui design è l’evoluzione delle luminarie. Un vaso, diventa seduta e anche tavolino, mentre un letto che contiene armadio, cassetti, comodini e illuminazione in un unico blocco dal design elegante, risolve con creatività il problema degli spazi nelle minuscole camere da letto di oggi. Ci sono anche poltrone, divani e appendiabiti, madie, tavolini e ceramiche, librerie ed ombrelloni, tessuti e fioriere. Gli oggetti, nel progetto espositivo curato dallo studio di architettura “Migliore+Servetto Architects”, sono inseriti all’interno di nove diversi scenari: cinema, memoria, musica, paesaggio, poesia, profumi, sport, sapori e tempo che uniscono immagini, proiezioni e prodotti in scene che riprendono comportamenti abitativi legati al tema dell’incontrare nel contesto regionale pugliese.
La Puglia è presente all’interno del Salone (unica Regione italiana), grazie all’accordo quadro sottoscritto l’anno scorso con l’associazione italiana di settore FederlegnoArredo.
La mostra “Puglia crossing identities” è la nuova declinazione del progetto Design in Puglia, promosso da Regione Puglia (Sezione Internazionalizzazione con il supporto operativo di Puglia Sviluppo Spa) in collaborazione con Adi l’Associazione per il Disegno Industriale -Sezione Puglia e Basilicata, Politecnico di Bari e i distretti produttivi Puglia Creativa e Legno Arredo Pugliese.
È visitabile tutti i giorni fino al 9 aprile dalle 9,30 alle 18,30 Milano (Fiera Milano Rho, pad. 18 – stand C02-C06).


Il settore del legno e arredo in Puglia
In Puglia sono più di 3.210 le imprese che operano nel settore del legno-arredo e impiegano quasi 19mila addetti. Dopo anni di crisi le esportazioni pugliesi nel settore del legno-arredo riprendono a crescere nel 2016 dell’1,3% rispetto al 2015 per un valore complessivo di oltre 402 milioni di euro. Anche l’Italia cresce nello stesso periodo, dell’1,1%. La Puglia incide sul dato export italiano per il 3,6%. Le imprese impegnate nel comparto del design rappresentano il 3,3% delle aziende italiane di settore, collocando la Puglia in vetta con la Campania tra le regioni del Mezzogiorno.

I designer
I creativi autori dei progetti esposti sono Giulia Abbadessa di Bitonto (Ba), Vincenzo Amendolagine di Corato (Ba), Marco Balestra di Taranto, Maurizio Barberio di Bari, Micaela Colella di Polignano a Mare (Ba), Graziana Calabrese di Fasano (Br), Maurizio Campanella di Castellana Grotte (Ba), Anna Maria Cardillo di Foggia, Piertito Cardillo di Trani (Bt), Cleto Luca Chieco di Bari, Gabriele Maria Cito di Taranto, Gianfranco Conte di Surbo (Le), Maria Lorenza Dadduzio di Barletta (Bt), Valentina De Carolis di Pezze di Greco (Br), Michelangelo De Santoli di Terlizzi (Ba), Costanza Dellerba di Cerignola (Fg), Giuseppe Fallacara di Corato (Ba), Eliana Ferulli di Altamura (Ba); Francesco Fusillo di Noci (Ba), Monica Gisondi di Bisceglie (Bt), Paola Iacobellis di Bari, Roberta Ieva di Trani (Bt), Concetta Lauriero di Altamura (Ba), Gabriella Mastrangelo di Massafra (Ta), Vincenzo Minenna di Bitonto (Ba), Ubaldo Occhinegro di Taranto, Micaela Pignatelli di Altamura (Ba), Filippo Pisculli di Altamura (Ba), Marcello Retino di Bari, Adalgisa Romano di Galatina (Le), Giuseppe Scarpa di Trani (Bt), Marco Stigliano di Trani (Bt), Antonio Surdo di Corigliano d’Otranto (Le), Luca Paolo Vasa di Matino (Le), Arianna Vivenzio di Bari, Alessio Zanzarella di Sava (Ta).

Le aziende
La realizzazione dei progetti è stata affidata alle aziende: Ametlab di Martina Franca (Ta), Arredamenti Moderni di Monopoli (Ba), Cinzia Fasano Ceramiche di Grottaglie (Ta), Cubo Rosso di Gravina di Puglia (Ba), D’Ambruoso Arredamenti di Conversano (Ba), De Bartolo Arredamenti di Bari, Fiorebanisteria di Altamura (Ba), Frigerio Living di Capurso (Ba) Infissi nel Sud – Ebanisteria italiana di Bari, Kermes Divani di Altamura (Ba), Kubico di Galatina (Le), La terra Incantata di Grottaglie (Ta), Laboratoriomaslo di Sava (Ta), Maria Concetta Malorzo “Vetri d’Arte” di Brindisi, Nuova Golden Marmi di Ostuni (Br), Parisi Design di Taurisano (Le), Pimar Italian Limestone di Cursi (Le), Rete Smetwork di Bari, Sikalindi di Lecce, Styl Point di Manduria (Ta), Wood Pallet Design di Castellana Grotte (Ba), WoodTec di Ruvo di Puglia.

Foto  Foto 2  Foto 3  Foto 4   Foto5  Foto 6             CATALOGO :  https://goo.gl/aWRxOd

 

 

Link  per scaricare le immagini audio-video della visita di emiliano allo stand puglia del salone del mobile

https://we.tl/uNXwvpG5cu

link per scaricare la dichiarazione video del presidente emiliano al salone del mobile:

https://we.tl/E5NFfRYn8q

link per scaricare la dichiarazione dell'assessore Capone:

https://we.tl/5cvwOdUfAT

intervento integrale di emiliano nello stand puglia al salone del mobile:

https://we.tl/8NjeFbCFRR

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 05 Aprile 2017 @ 14:57  » Comunicati S. Stampa Giunta «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)