Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

Portale della salute. Lunedì 10 aprile confza stampa con Ruscitti

 Il nuovo portale della salute www.salute.puglia.it della Regione Puglia, già on line e con nuove funzionalità sempre più vicine ai bisogni dei cittadini, sarà illustrato, nel corso di una conferenza stampa, dal direttore del Dipartimento Politiche della salute e benessere sociale della Regione Puglia Giancarlo Ruscitti. All’incontro con i giornalisti, che si svolgerà alle ore 11.00 presso la sala A (piano terra) della sede della Regione Puglia in via Gentile 52/Bari, parteciperanno anche Gennaro Ranieri, amministratore unico di Innovapuglia e Vito Bavaro, Direttore Sezione Risorse strumentali e tecnologiche della Regione Puglia. 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 07 Aprile 2017 @ 14:55  » Comunicati S. Stampa Presidente «
125 milioni per Ospedale Monopoli/Fasano. Bando affidamento lavori entro luglio

 

La Regione Puglia sta procedendo celermente verso l’espletamento delle procedure finalizzate alla realizzazione del nuovo Ospedale del Sud/Est barese Monopoli Fasano.

Il direttore del Dipartimento Politiche della Salute Giancarlo Ruscitti, ha infatti firmato la determina dirigenziale per la presa d’atto del nuovo quadro economico e la individuazione delle fonti di finanziamento dell’opera. 125 milioni il finanziamento che prevede, oltre al finanziamento regionale, 80 milioni del Fondo di Sviluppo e Coesione e 16 milioni del Fondo europeo di sviluppo regionale. Ulteriori risorse per l'acquisto della dotazione tecnologica saranno disponibili nell'alveo della proposta di accordo inviata al Ministero della Salute per l'utilizzo delle risorse residue dell'art. 20 l.n. 67/1988. Ciò consentirà alla Asl Bari di validare e approvare la progettazione definitiva del nuovo ospedale, propedeutica all’avvio della procedura di gara per l’affidamento dei lavori previsto per la fine del mese di luglio.

La costruzione del nuovo Ospedale di 300 posti letto consentirà di dotare l'area del sud est barese e del nord brindisino di una struttura sanitaria moderna ed efficiente in grado di soddisfare il fabbisogno di un vasto bacino di utenza e di recuperare la mobilità passiva.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 07 Aprile 2017 @ 12:34  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Giunta regionale.Seduta conclusa

 Terminata la seduta della Giunta straordinaria, riunita oggi presso la sede di via Gentile. Di seguito, in sintesi, i principali argomenti discussi ed approvati:


La Giunta regionale ha prorogato di 13 mesi, a decorrere dalla data di pubblicazione della decisione su BURP, il termine utile all’inizio dei lavori per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici di edilizia Residenziale Pubblica .In particolare, il provvedimento della Giunta si riferisce ad Arca Sud Salento, Arca Puglia Centrale ed Arca Nord Salento che dovranno, pena decadenza del provvedimento, cominciare i lavori entro il 30 luglio 2017.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
LA Giunta regionale ha attestato la non compatibilità del PUG di Castellaneta alla legge regionale 20/2001 ed al DRAG, approvato con delibera 1328/2007.
LA decisione della Giunta verrà quindi notificata al Sindaco di Castellaneta per gli adempimenti di competenza
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale ha definitivamente approvato la variante adottata dal Comune di Santeramo in Colle con deliberazione del C.C. n.51/2016.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 07 Aprile 2017 @ 12:21  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Leo: A Briatore inviamo CV dei nostri giovani, indichi lui eventuali criticità

 


"Il calore della nostra accoglienza, la bellezza dei nostri luoghi, il gusto dei sapori del nostro territorio hanno reso in questi anni il Salento meta turistica tra le più ambite. Del resto, se così non fosse, Briatore non avrebbe certamente scelto il Salento come luogo in cui far sorgere il suo Twiga, né avrebbe avuto l'aspirazione di condurre qui flussi turistici di fascia medio-alta”, così l’assessore all’istruzione, alla formazione e al lavoro della Regione Puglia replica alle affermazioni del manager.

“Mi dispiace – continua Leo – che Briatore ritenga insufficiente l'offerta formativa dei nostri istituti alberghieri e di conseguenza carenti le competenze in materia dei nostri studenti. Lungi da me credere di avere la verità in tasca, al netto delle polemiche, mi preme ricordare che la Puglia vanta un ITS per la formazione post-diploma dedicato all’industria dell’ospitalità e al turismo, un Distretto Produttivo del Turismo Pugliese che comprende 229 imprese, oltre ad Associazioni, Sindacati e Università, l’Agenzia Regionale del Turismo “Puglia Promozione” e una filiera di istituti alberghieri, diffusi su tutto il territorio regionale e in particolar modo nel Salento, tra i più rinomati e antichi di Italia. Anche a questo sistema di soggetti è dovuto il grande successo turistico della Puglia”.

“Ritengo – ha proseguito l’assessore – che molto sia stato fatto per incentivare il successo formativo dei nostri ragazzi ma, al fine di migliorare ulteriormente la formazione nel settore dell'accoglienza e dei servizi per il turismo, riteniamo indispensabile rafforzare il coinvolgimento del mondo delle imprese e dare forza alle istanze degli imprenditori”.

“Pertanto – ha concluso l’assessore – invito Flavio Briatore a presentare le proprie istanze in materia di formazione: il nostro sarà un orecchio attento, allo scopo di migliorare il sistema turistico pugliese e incrementare le opportunità occupazionali dei giovani.
Se Briatore ritiene opportuno, possiamo sottoporgli decine e decine di curricula: ci indichi lui le criticità nei profili dei nostri ragazzi e provvederemo a pianificare misure per il rafforzamento delle loro competenze.
Noi siamo qui, con umiltà, senza la boria di chi pensa di avere in tasca la verità, ma pronti al dialogo, per allargare gli orizzonti del Salento e della Puglia".

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 07 Aprile 2017 @ 11:37  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Agricoltura, PSR, di Gioia: attivata procedura informatica

E’ operativo il portale per la redazione on-line e l’invio telematico del Piano Aziendale tramite Elaborato Informatico Progettuale (EIP). Le aziende pugliesi sono finalmente in grado di rispondere al bando dell’Operazione 4.1a del PSR 2014-2020 per il “Sostegno per gli investimenti materiali ed immateriali finalizzati a migliorare la redditività, la competitività e la sostenibilità delle aziende agricole singole ed associate”.

“Entriamo nella fase più importante di uno dei bandi maggiormente attesi del PSR - sottolinea l’assessore alle Risorse Agroalimentare, Leonardo di Gioia -. Al via, quindi, la procedura informatizzata per accedere ai contributi previsti per il miglioramento della produttività e della sostenibilità economica e ambientale delle imprese. Attraverso la predisposizione di un business plan, le imprese dovranno indicare quali investimenti intendono promuovere e come questi potranno incidere sui futuri risultati economici dell’azienda".

"Prima di essere reso operativo - tiene a precisare il direttore di Dipartimento Agricoltura Direttore e Autorità di Gestione (AdG)del PSR Puglia, Gianluca Nardone -, il portale EIP è stato valutato e approvato da una formale Commissione nominata dall’AdG per provarne la conformità al bando e, prima di dare il via alla reale operatività, gli utenti hanno avuto una settimana di prova per poterne testare le caratteristiche. Il risultato è l’aver messo a disposizione di potenziali beneficiari e tecnici abilitati uno strumento di forte semplificazione della procedura, veloce, di facile accesso oltre che garanzia di trasparenza”. “Siamo alla fine di un lavoro che ha comportato più tempo del previsto e ci ha costretti a tenere aperto il bando oltre quanto auspicavamo – conclude Di Gioia - ma siamo certi quanto sinora fatto ci permetterà di procedere con maggiore celerità nelle successive fasi amministrative. Allo stesso tempo, l’efficienza del portale per il bando dell’Operazione 4.1a ci servirà per attuare, nel miglior modo possibile e con celerità, tutte le altre Misure e i relativi avvisi”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 18:12  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Rete laboratori privati accreditati. Ruscitti: "Firmato accordo integrazione"

 
Siglato nel pomeriggio, presso il Dipartimento Politiche della salute della Regione Puglia, l’accordo con le Organizzazioni di categoria dei laboratori di analisi privati accreditati per la riorganizzazione della rete dei laboratori di analisi, così come prevede la legge che, tra l’altro, per l’accesso all’accreditamento istituzionale, prevede “il criterio della soglia minima di efficienza che deve essere conseguita dalle singole strutture sanitarie”. 

“E’ il recepimento di una legge del 2006 e l’accoglimento delle Linee guida di indirizzo del 2011 – ha detto il direttore del Dipartimento Politiche della Salute della Regione Puglia Giancarlo Ruscitti – è un passo in avanti verso l’efficientamento del sistema sanitario pugliese. Occorre fare rete, occorre l’integrazione tra i laboratori di patologia clinica privati accreditati non solo per migliorarne l’efficienza, utilizzando anche le tecnologie più avanzate ed innovative, ma anche per poter accedere all’accreditamento istituzionale. Oggi il tema della sicurezza nella sanità è particolarmente avvertito nelle strutture che hanno pochi numeri. Mettersi insieme significa progredire professionalmente e garantire maggiore sicurezza e servizi all’utente”.

Oggi in Puglia ci sono 244 laboratori di analisi, non tutti però soddisfano il requisito dell’efficienza del sistema, anche per un numero basso di prestazioni erogate, non consentendo l’ottimizzazione delle risorse strumentali, con la relativa ricaduta sui costi di gestione. Ecco perché è necessario fare rete ed ecco perché la Regione Puglia, con la sottoscrizione dell’accordo di oggi, ha inteso avviare un lavoro di razionalizzazione e di riorganizzazione dei laboratori che, per legge, dal 1 gennaio del 2018 dovranno garantire 100mila prestazioni all’anno mentre dal 1 gennaio del 2019 e per i successivi anni, dovranno garantire 200mila prestazioni all’anno. Le strutture accreditate potranno organizzarsi, entro il 31 dicembre di quest’anno, in qualunque forma di aggregazione prevista dal Codice Civile. L’unico vincolo sarà quello territoriale.
In situazioni specifiche, quelle che riguardano i comuni del Subappennino Dauno, ci potrà essere una deroga, potrà essere mantenuto cioè un rapporto prestazione/erogatore inferiore alla soglia minima di efficienza (200mila prestazioni) e comunque non inferiore alle 100mila prestazioni annuali.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 17:40  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Gestione Pubblica Servizio Idrico Integrato: incontro in Presidenza

Dando seguito alla mozione approvata dal Consiglio regionale sul tema “Acqua Bene Comune”, è stata convocato per giovedì 13 aprile, alle ore 11.00, l’incontro relativo alla gestione pubblica del Servizio Idrico Integrato.
Alla riunione, convocata presso la sede della Presidenza della Regione (l.mare N. Sauro, 31.33), parteciperanno i componenti il Tavolo Tecnico, istituito con la DGR 370/2017, in rappresentanza della Presidenza della Giunta regionale, dell’Assessorato alle Opere Pubbliche , dell’Autorità Idrica Pugliese e di AQP spa

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 17:19  » Prossimi appuntamenti e conferenze stampa «
TAP. Nota riepilogativa del contenzioso

 

Di seguito una nota riepilogativa del contenzioso Tap a cura dell’Avvocatura regionale.

Nell’ambito del procedimento di rilascio dell’autorizzazione per il Gasdotto TAP, la Regione Puglia ha sempre fermamente manifestato il dissenso espresso e motivato sull’opera TAP, con particolare riferimento alla scelta progettuale del punto di approdo a San Foca; il MISE ha sempre pervicacemente omesso di prendere in considerazione le istanze pervenute - dalla Regione, dal Comune di Melendugno, da tutte le associazioni coinvolte, dai cittadini - circa l’effettiva possibilità di modificare il punto di approdo dell’opera.

1.La Regione Puglia ha impugnato dinanzi al TAR del Lazio – Roma la nota prot. n.39846/2014 con cui il Ministero dell’Ambiente ha ritenuto “superata” la prescrizione VIA A)13 contenuta nel decreto di compatibilità ambientale n.223/2014 con la quale era stata imposta l’applicabilità della normativa c.d. “Seveso”, ovvero il rilascio del N.O.F. (nulla osta di fattibilità) al terminale di depressurizzazione (PRT) del gasdotto, da realizzarsi nel territorio a San Foca Comune di Melendugno.
La Regione ha altresì impugnato dinanzi al TAR del Lazio – Roma anche il Decreto MISE di rilascio dell’autorizzazione unica alla realizzazione del Gasdotto TAP.
Entrambi i ricorsi riuniti sono stati respinti con sentenza n.2108/2016.
Avverso tale sentenza la Regione ha proposto appello dinanzi al Consiglio di Stato.
Tuttavia, il Consiglio di Stato dopo aver riunito l’appello della Regione all’analogo appello proposto dal Comune di Melendugno, con sentenza n.1392/2017, ha respinto entrambe le impugnazioni.

2.La Regione Puglia, con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica trasposto in sede giurisdizionale dinanzi al Tar del Lazio – Roma (pendente per la fissazione dell’udienza di merito) ha impugnato anche il Decreto MISE con il quale l’opera TAP è stata inserita nell’elenco dei gasdotti facenti parte della rete nazionale.

3. Il Presidente della Regione – in data 21.6.2016 - ha presentato una motivata istanza di autotutela al Ministro (rimasta a tutt’oggi priva di riscontro) chiedendo l’annullamento o la revoca della medesima autorizzazione. Invero, la Corte Costituzionale (con sentenza interpretativa di rigetto n.110/2016) ha recentemente sancito che ai fini della localizzazione e realizzazione dei gasdotti, come quello di specie, lo Stato ha l’obbligo di cercare una intesa forte (paritetica) con le Regioni interessate, sin dalla fase delle operazioni preparatorie necessarie alla redazione dei progetti e relative opere connesse. Invece, nel caso del gasdotto TAP, la ricerca di un’intesa forte con la Puglia sin dalle fasi preparatorie propedeutiche alla redazione del progetto non c’è stata, con conseguente violazione delle prerogative costituzionali dell’Ente territoriale. Il MISE ha coinvolto la Regione Puglia solamente in sede di VIA (a progetto già definito) ricercando l’intesa nella fase conclusiva del procedimento, ormai incanalato nell’unica irretrattabile scelta progettuale (la seria considerazione della ipotesi progettuale alternativa avrebbe infatti dovuto comportare il riavvio del procedimento e una nuova procedura VIA, incompatibili con i tempi TAP). A tale nota non è mai seguito alcun riscontro, né, tantomeno, sono stati adottati i provvedimenti sollecitati. Con successiva nota del 21.09.2016, il Presidente della Regione ha quindi diffidato il Ministero dello Sviluppo Economico a disporre la revoca/annullamento del decreto di rilascio dell’Autorizzazione Unica alla realizzazione del gasdotto TAP, entro e non oltre il termine di trenta giorni dal ricevimento della medesima diffida. In considerazione del silenzio formatosi su tale ultima diffida, la Regione in data 10.12.2016, ha proposto ricorso per conflitto di attribuzione dinanzi alla Corte Costituzionale (tutt’ora pendente).

 

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 16:16  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Oropan. Dopo gli investimenti Pia, occupati incrementati più delle previsioni

 
Capone: “Esempio virtuoso di investimenti con risorse pubbliche”

Trentanove assunti invece che 9. Avviene di questi tempi ad Altamura, in provincia di Bari.
L’impresa agroalimentare Oropan Spa investendo con l’incentivo regionale dei Pia (Programmi integrati di agevolazione) più di 13 milioni di euro (di cui 5 milioni le risorse pubbliche) innova con impianti di produzione e confezionamento altamente tecnologici e soprattutto porta i suoi dipendenti da 81 a 120. Avrebbe dovuto aggiungerne 9 secondo il progetto presentato, e invece ne assume 39.
A darne notizia è l’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone che ha partecipato oggi, con il direttore generale di Puglia Sviluppo Antonio De Vito, alla presentazione delle innovazioni introdotte con la realizzazione del progetto Pia, nella sede dell’azienda ad Altamura.
“Quando un’impresa grazie ad un nostro incentivo – ha sottolineato Loredana Capone – non solo innova ma aumenta gli occupati anche oltre le previsioni, allora vuol dire che le politiche regionali hanno adempiuto a due dei loro obiettivi principali: sostenere l’innovazione e l’occupazione. In questo Oropan può essere considerata un modello virtuoso per tutte le imprese pugliesi. Ha mantenuto il valore della tradizione e allo stesso tempo ha consentito la crescita dell’indotto con il miglioramento del packaging ottenuto grazie a ricerca e innovazione. Questo ha permesso ad un prodotto croccante di attraversare gli oceani”.
“Speriamo – ha continuato l’assessore – di poter raccontare a lungo e per molte altre volte storie esemplari come questa. A tutte le altre imprese voglio dire che la Regione insieme a Puglia Sviluppo c’è con incentivi sempre attivi e adatti a tutte le imprese e con un ascolto costante in tutte le fasi dell’investimento.
“Il Pia è uno strumento di incentivazione che nella nuova programmazione ci ha permesso di agevolare già investimenti per quasi 412 milioni. Ha un potenziale altissimo perché dotato di tre diverse declinazioni: Medie imprese, Piccole imprese e Turismo. L’auspicio è che tante altre imprese come Oropan approfittino di questa importante opportunità”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 15:02  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Infortunio a Emiliano a Acquaformosa

Durante una visita al Comune di Acquaformosa (CS) per verificare le modalità di accoglienza dei migranti in quel comune, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha avuto un incidente ortopedico al piede destro (sospetta rottura tendine di Achille) a seguito del quale sta raggiungendo una struttura ospedaliera pubblica.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 06 Aprile 2017 @ 13:35  » Comunicati S. Stampa Giunta «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)