Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

Ilva, riunione al Mise per la Cassa integrazione

Emiliano: “La Regione metterà a disposizione tutte le somme di cui dispone”.

 

ROMA - “Per noi l’Ilva rimane tra le questioni industriali, ambientali e di salute, la priorità della Puglia e la mia presenza qui, sia pure in una riunione tecnica di discussione sulla cassa integrazione, lo testimonia. Mi è parso necessario essere qui, proprio per far presente a tutti l’importanza che noi attribuiamo a tutta la vicenda Ilva.”.

Così il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano intervenendo questo pomeriggio a Roma presso il Ministero dello Sviluppo Economico, al tavolo con Ilva e sindacati convocato dal Vice Ministro Teresa Bellanova per affrontare la questione relativa alla cassa integrazione straordinaria per circa quattromila operai.

“Nel merito dell’incontro – ha spiegato Emiliano ai giornalisti – il punto fondamentale è questo: gli strumenti degli ammortizzatori sociali necessari in questa fase ricadono tutti sulle finanze della Regione Puglia. Ovviamente, i numeri di questa operazione sono molto elevati e sebbene la Regione abbia messo a disposizione tutte le somme di cui dispone, temo sia necessaria un’integrazione da parte del Governo centrale”.

  Foto             Link video:    https://goo.gl/xBeb4Y

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 20 Febbraio 2017 @ 19:13  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Cordoglio Emiliano per scomparsa Kounellis

 
Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, nel corso della conferenza stampa per la presentazione del Piano strategico del Turismo Puglia 365, ha espresso il cordoglio per la scomparsa del Maestro di arte contemporanea Jannis Kounellis, pittore e scultore greco.

“Oggi per me è un momento di grande dolore per la morte del Maestro Kounellis che ha amato tantissimo questa città e ha amato la Puglia. Voleva fare tante cose per noi e noi abbiamo provato a realizzarle con lui. Lo ringraziamo perché quelle ore che abbiamo passato con lui, quella mostra che abbiamo organizzato insieme (Teatro Margherita 2010 su iniziativa del Comune di Bari ndr) ha aperto uno squarcio persino provocatorio con la sua opera Carboniera , creando, come sempre accade nell’arte contemporanea, un certo scompiglio. Un maestro straordinario Kounellis, peraltro mediterraneo, un greco che diceva di essere italiano, che diceva di sentirsi italiano. Voglio fare le condoglianze a sua moglie che lo ha sempre accompagnato e della quale ho un ricordo dolcissimo. Non vedo l’ora di poterla abbracciare”.

Al termine del cordoglio del Presidente, è scattato un forte applauso di condivisione e affetto nei confronti del Maestro.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 17 Febbraio 2017 @ 14:52  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Piano strategico turismo Puglia 365. Emiliano Capone: "36 milioni in tre anni"

Per Puglia 365 si entra in una fase di attuazione piena. Il Piano Strategico del Turismo della Puglia 2016/2025, elaborato da Pugliapromozione con un lavoro di tessitura con gli operatori, le istituzioni e i Comuni, è stato approvato dalla Giunta Regionale che ha varato anche la copertura finanziaria per tre anni. La Puglia è la prima regione italiana a sviluppare un Piano, parallelamente ed omogeneamente alla costruzione del Piano Nazionale del Turismo. Il Piano, che da oggi ha anche un quadro economico di attuazione degli interventi, era stato presentato in bozza al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini, già il 27 Luglio 2016 a Roma.


“La Puglia è una la prima regione italiana ad avere il suo piano strategico del turismo in osservanza alla legge nazionale – ha commentato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano in conferenza stampa - questo significa che una delle regioni più belle d’Italia da oggi è in campo non solo con il suo istinto, la sua passione e la sua capacità di rischiare e di fare impresa ma è in campo connettendo le istituzioni e gli operatori turistici. Questa è un’unica squadra che combatte per l’Italia e per se stessa per portare lavoro, identità e soprattutto per favorire l’economia complessiva della Puglia perché il turismo è un settore che ha la capacità di far crescere tutti gli altri così come quello estero è un settore che aumenta la ricchezza effettiva di una regione”.


“Il turismo – ha continuato Emiliano - è un’operazione che devi seguire, intuire, mantenendo il contatto permanente con gli operatori. Una visione strategica è necessaria, ma è anche necessario avere quella capacità di cambiare tutto in pochi secondi, così come cambiano in pochi secondi anche i flussi turistici. Questa industria ha una capacità di cambiare direzione che devi sapere intercettare. Resisteremo a tutti quelli che pensavano che l’attività turistica dovesse essere centralizzata da parte dello Stato ma resisteremo con la volontà di collaborare in un settore in cui la Puglia, negli ultimi anni, ha guadagnato rispetto”.


“Si apre una nuova fase per il turismo in Puglia con il varo in Giunta regionale del Piano strategico del Turismo Puglia365 – ha affermato l’assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone – un piano scaturito da un processo corale tra operatori del settore, cittadini, Enti Locali, partenariato, associazioni datoriali e sindacali, stakeolder, opinion leader locali, Università. La Regione ha impegnato per i primi tre anni 36 milioni di euro sulla misura 6.8 del P.O Fers 2014/20 destinati alla promozione, alla accoglienza e alla innovazione, soprattutto di prodotto; e per il 2017 è già esecutiva la delibera per dodici milioni di euro. Altre risorse saranno negoziate con gli assessorati allo Sviluppo Economico, alle Infrastrutture e Trasporti e alla Formazione per progetti comuni che riguardano lo sviluppo del turismo. Perché il turismo possa incidere effettivamente sulla crescita economica e sociale dobbiamo fare un grande lavoro. Le azioni concrete riguardano, insieme alla promozione, soprattutto l'accoglienza perché il turismo può essere un vero traino per il lavoro e la nostra attività deve puntare a realizzare sempre di più una occupazione non solo professionale ma anche stabile. In questo senso abbiamo già sperimentato proprio per l'autunno e l'inverno, un sostegno concreto all'attività dei comuni con il progetto in Puglia 365, allungando la stagione e consentendo un aumento notevole dei flussi turistici su itinerari e prodotti definiti.

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 17 Febbraio 2017 @ 12:35  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Riparto FSN 2017. Emiliano Ruscitti: "Taglio c'è, ma bene 90 milioni in più"

Nel pomeriggio di ieri a Roma si è svolta la discussione, all’interno della Commissione Salute della Conferenza Stato Regioni, sulla proposta di riparto del fondo Sanitario nazionale 2017. L’accordo tra tutte le regioni prevede un riparto del Fondo sanitario che, seppure con una diminuzione della distribuzione delle risorse, viene incrementato, rispetto al 2016, di 1 miliardo e mezzo di euro. Il Fondo quindi sarà di 112,578 miliardi di euro anziché di 113 originariamente previsti e promessi. Per le Regioni ordinarie sono 422 i milioni in meno rispetto al previsto, quota che avrebbero dovuto versare le regioni a statuto speciale.
Naturalmente ora la discussione continua e dovrà essere condivisa dalle regioni in Commissione Salute per poi passare all’attenzione della Conferenza delle Regioni.

Per la Puglia, la cui quota di accesso al Fondo sanitario nazionale è del 6,11%, l’incremento rispetto al 2016, rappresenta 90 milioni di euro in più.

“Certamente il taglio al Fondo Sanitario Nazionale al momento c’è ed è pesante e questo ci mette preoccupazione – ha commentato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano – noi abbiamo preferito però allinearci ad una gestione del Fondo concertata dalle regioni anzichè subire una decisione monocratica da parte dei ministeri. Questo è il motivo che, nonostante le preoccupazioni, ci ha portato a condividere la proposta portata in Commissione”.

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 16 Febbraio 2017 @ 10:54  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Emiliano a Futuro 2020, convegno su Politiche di Coesione

 

 

EMILIANO: Il Sud ha l’energia per cambiare il destino dell'Italia e dell'Europa

 

Intervenendo a Napoli, alla Città della Scienza, al convegno “Futuro 2020”, sulle politiche di coesione in UE, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano ha detto: 

“Sono qui come presidente della Regione Puglia a discutere di come sono utilizzati i fondi europei. La Puglia è una regione che fa il suo dovere fino in fondo, riusciamo a spendere bene tutti i fondi  di cui disponiamo. Purtroppo le politiche nazionali non funzionano. Quindi abbiamo i fondi europei ma ci mancano quelli nazionali e per questa ragione, come dimostra uno studio che abbiamo commissionato, gli effetti sul Pil dei fondi europei sono ancora minimi. . 

Rischiamo per questi risultati scarsi che la politica di coesione sia fatta saltare. 

Questo sarebbe un disastro, ma l’Italia deve fare il suo dovere”. 

“Il Fondo di Sviluppo e Coesione, l’FSC – ha continuato -  viene saccheggiato dallo Stato italiano quando ha bisogno di soldi. E soprattutto la cassa non è ancora disponibile. 

Per i patti per la Campania, per la Puglia eccetera, ad esempio, non abbiamo ancora i soldi disponibili per iniziare la spesa. La propaganda che è stata fatta ora deve essere concretizzata e speriamo che dalle parole si passi ai fatti: lo Stato deve accelerare la spesa di molte grandi opere infrastrutturali. 

La Bari-Napoli è l’opera più importante, abbiamo firmato l’anno scorso con il presidente della Regione Campania e le ferrovie l’accordo per quest'opera essenziale, per connettere queste due città non solo fisicamente ma anche mentalmente, per rappresentare il sud”.

“Poi sul fondo sanitario nazionale: la Campania alla fine dei conti rischia di dover dare sessanta milioni di euro della sua programmazione sanitaria alla Liguria per compensare un buco. 

Bene, io vi dico che nonostante la Puglia non c’entri con questa vicenda, la Puglia non ci sta. 

Non possiamo accettare che una regione come la Campania che ha tassi di mortalità elevati anche a causa della deprivazione, ovvero da povertà, come tutto il Mezzogiorno, sia danneggiata da tentativi di riparto del fondo nazionale che rischiano di pregiudicare i diritti dei nostri cittadini. La Puglia in questo momento è vicina alla Campania e ne sosterrà le ragioni”.

“Stiamo facendo il nostro dovere – ha proseguito - abbiamo bisogno del contributo nazionale che è previsto dalle norme europee: voi sapete che quelli europei sono fondi aggiuntivi e non sostitutivi. E su questo occorre discutere, perché oggi con lingua di verità se ne parli, evitando la retorica”.

Concludendo, ha sottolineato Emiliano, “la Pubblica amministrazione va sicuramente svecchiata: abbiamo risorse straordinarie, di eccezionale qualità, che si stanno perdendo in Europa e che nella pubblica amministrazione sarebbero utilissime per sostenere le politiche di investimento e di infrastutturazione. 

È chiaro che non si può fare la rivoluzione con i vecchi soldati che vanno in pensione e che non hanno i giovani cui versare saperi, consapevolezze e  professionalità. La pubblica amministrazione è una catena di generazioni che si avvicendano in modo equilibrato. Se noi spezziamo la catena non la riagganciamo più.

Il Sud ha l’energia per cambiare il destino dell'Italia e dell'Europa, il Sud non si rassegna e se ci verrà data l'occasione vedrete di cosa saremo capaci”.

 

L'evento è stato introdotto da Andrea Cozzolino (vicepresidente Commissione Sviluppo Regionale Parlamento Europeo), Adriano Giannola (presidente istituto Svimez). 

 

Emiliano è intervenuto alla tavola rotonda “Sud e Europa: una prospettiva necessaria”, con Venanzio Carpentieri, Rosario Crocetta, Luciano D’Alfonso, Vincenzo De Luca, Paolo Di Laura Frattura, Mario Oliverio e Assunta Tartaglione. 

Le conclusioni affidate a Gianni Pittella (presidente gruppo S&D Parlamento Europeo), Claudio De Vincenti (ministro della Coesione Territoriale e Mezzogiorno), Corina Cretu (commissario europeo per le Politiche Regionali).

Foto   Foto 2         Link: https://goo.gl/8AGwek

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 10 Febbraio 2017 @ 13:03  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Gioco d'azzardo,Emiliano a Conferenza Regioni:oggi vittoria Puglia

 Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, è intervenuto oggi alla conferenza Stato-Regioni che doveva esaminare l’accordo tra Stato, regioni e comuni sul gioco d’azzardo.
“Quella di oggi – ha detto Emiliano- è stata una vittoria per la Regione Puglia che aveva chiesto più tempo alla Conferenza delle regioni per esaminare il provvedimento, nel timore che tutta quella fretta di trovare l’intesa nascondesse un fuoco di cenere. Oggi abbiamo capito che il governo, tramite il sottosegretario Baretta, ha deciso di aprire una grande consultazione con tutte le associazioni e quindi l’idea che ci potesse essere un blitz è stata scongiurata.
Oggi ho rivendicato alle Regioni il merito di avere ottenuto questa discussione, grazie al rinvio della scorsa volta.
Ho posto due questioni fondamentali: la prima è che le Regioni non intendono abdicare alla potestà legislativa che hanno in questa materia che, ammesso e non concesso che il Governo legiferi, le Regioni possono reintrodurre le norme sulle distanze e anche sugli altri elementi della legge.
La seconda è che noi dobbiamo avere una gestione delle ludopatie molto severa: quando si viene dichiarati ludopatici, la tessera sanitaria deve essere l’unico mezzo per accedere al gioco. Le macchinette devono funzionare con la tessera sanitaria: se c’è la dichiarazione di ludopatia il soggetto non può essere ammesso al gioco da nessuna parte”.
“Lo Stato – prosegue Emiliano - in modo drammatico, decide di guadagnare dei soldi sul gioco d'azzardo. Più si va avanti, più il bilancio dello Stato dipenderà dal gioco d'azzardo, con tutte le conseguenze negative che ne derivano.
Per quel che posso constatare il gioco d'azzardo si associa spesso a condizioni sociali drammaticamente degradate. Il giocatore medio non sa tutelarsi, la storia che viene raccontata che le sale d'azzardo sono come i cinema e i teatri è qualcosa a cui non credo.
La legge è una occasione irripetibile per lanciare questo messaggio: ferma restando la possibilità data dallo Stato di giocare bisogna avvisare tutti che si tratta di una attività pericolosa.
Non possiamo, ad esempio, tornare indietro sulla norma sulle distanze: la Puglia non lo farà, intendiamo tutelare i luoghi sensibili come scuole e parrocchie. C’è comunque una disponibilità a trovare un’intesa con il governo”.
“Il primo progetto del governo – precisa il presidente - colpiva in modo particolare le tabaccherie, che sono invece dei concessionari dello Stato, rigidamente controllate in ogni fase, che avrebbero assicurato che il gioco sia realmente una dimensione episodica della vita, perché questi luoghi sono aperti, di transito, dove la segretezza che serve per gestire e speculare sulle ludopatie è molto più difficile. In più i tabaccai possono essere richiesti, come concessionari dello Stato, di prestazioni aggiuntive che non possono essere richieste a un qualunque esercente di una sala da gioco.
Bisogna quindi distinguere tra gli esercizi commerciali cui è impedito l’esercizio del gioco e le tabaccherie.
Anche per non riservare il gioco solo alle grandi multinazionali, che sono quelle che preoccupano di più perché molto difficili da controllare. I tabaccai invece hanno norme che consentono i controlli molto più efficaci.

Il rinvio - ha concludo Emiliano - ha consentito la riapertura di un dialogo tra il governo e le associazioni che si occupano di contrasto al gioco d'azzardo per migliorare l'impostazione del provvedimento. Ancora una volta la partecipazione dal basso aiuta a scrivere buone leggi.

 

 

Foto   

Link video:  https://goo.gl/pV5uU8

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 09 Febbraio 2017 @ 14:16  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Giovedì 9/2 Emiliano a Roma per Conferenza delle Regioni

 Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano parteciperà a Roma domani, giovedì 9 febbraio alle ore 10.00, alla seduta straordinaria della Conferenza delle Regioni, convocata in seduta straordinaria dal Presidente Stefano Bonaccini.
La Conferenza delle Regioni si terrà,come di consueto, a Via Parigi 11.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 08 Febbraio 2017 @ 17:18  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Decarbonizzazione e gasdotti. Emiliano incontra a Roma il ministro Calenda

 Questa mattina a Roma, presso il Ministero dello Sviluppo economico, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha incontrato il ministro Carlo Calenda.

“Il colloquio di questa mattina – ha dichiarato Emiliano ai giornalisti - è stato molto positivo. Abbiamo discusso nel merito senza frapporre questioni di principio a questioni che invece costituiscono l’interesse generale”.

Per Emiliano è comunque “un miracolo che si sia ricominciato a discutere con il Governo”.

“Dopo quasi 18 mesi di mio governo della Regione Puglia – ha continuato il Presidente - si è riaperto il dialogo con Palazzo Chigi e di questo non posso che essere contento. Il Governo ha compreso l’importanza del processo di decarbonizzazione. Ovviamente il ministro Calenda ha precisato che questo aspetto non deve in nessuna maniera scoraggiare i possibili acquirenti dello stabilimento. E su questo abbiamo assolutamente condiviso. Mi auguro che entrambe le cordate, che si stanno accingendo a formulare le offerte di acquisto dell’Ilva, possano inserire nei loro progetti di medio e lungo periodo, il processo di decarbonizzazione in modo tale di mettere in sicurezza definitiva lo stabilimento. Questo peraltro, dal mio punto di vista, sarà indispensabile dal momento che con l’attuale sistema produttivo, l’Ilva non può superare i 5 milioni di tonnellate di produzione l’anno. E per farlo si dovrà per forza integrare il ciclo con forni elettrici e preridotto”.

Emiliano e Calenda si sono anche confrontati con la questione gasdotti in Puglia.

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 08 Febbraio 2017 @ 15:54  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Emiliano nomina Borzillo Commissario Consorzio Bonifica Centro Sud Puglia

 

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha firmato oggi il decreto di nomina di Alfredo Borzillo quale commissario straordinario del consorzio di bonifica Centro-Sud Puglia, nato dopo l'unione di quattro consorzi già commissariati (Arneo, Stornara e Tara, Terre d'Apulia e Ugento Lì Foggi) a seguito dell'approvazione della legge regionale di riforma.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 07 Febbraio 2017 @ 16:58  » Comunicati S. Stampa Presidente «
Emiliano domani a Roma incontra ministro Calenda

 
Domani mattina, mercoledì 8 febbraio, a Roma, presso il Ministero dello Sviluppo Economico (sede di via Veneto, 33), il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, incontrerà il ministro Carlo Calenda.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 07 Febbraio 2017 @ 16:53  » Comunicati S. Stampa Presidente «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)