Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

Emiliano e Negro: importante approvazione DDL accreditamento strutture sociosan.

“E’ stato un passo importante l’approvazione oggi in III commissione del disegno di legge sull’autorizzazione alla realizzazione e all’esercizio, all’accreditamento istituzionale e accordi contrattuali delle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private”. Lo dicono in una nota congiunta il presidente Emiliano e l’assessore al Welfare Salvatore Negro, commentando il varo all’unanimità del DDL, che ora passa all’esame dell’Aula.

La nuova legge prevede tra le novità l’istituzione dell’Organismo tecnicamente accreditante, presso la Regione, cui spetterà il compito (al posto dei sei Dipartimenti di prevenzione delle ASL) della gestione delle verifiche e delle valutazione tecnica ai fini del rilascio del provvedimento di accreditamento. Il ddl fissa anche le competenze della Regione e dei Comuni in relazione al rilascio delle autorizzazioni e all’accreditamento delle strutture pubbliche e private che erogano prestazioni sanitarie e sociosanitarie, con la previsione anche delle verifica periodica circa il possesso dei requisiti minimi richiesti alle strutture accreditate. “Il lavoro della commissione – spiegano Emiliano e Negro – è stato prezioso.

Ha confermato l’impostazione della legge arricchendola con gli approfondimenti provenienti da tutte le forze politiche regionali. Questo metodo di lavoro sarà continuato e implementato per le altre leggi regionali di sistema. Per tutte le tematiche che interessano in maniera profonda i pugliesi il metodo della condivisione sarà prioritariamente utilizzato”. “Ho apprezzato – ha specificato Negro - il contributo delle opposizioni, per arrivare all’obiettivo dell’approvazione di una normativa fortemente attesa da anni. Anche la sottocommissione ristretta che, d’intesa con la struttura assessorile, ha assemblato in maniera organica il testo originario con gli emendamenti presentati, ha assicurato una ottima interlocuzione. Un ringraziamento particolare va al Presidente Romano per l'instancabile lavoro di questi intensi mesi. Anche grazie al suo preziosissimo contributo si è riusciti a portare in porto un provvedimento che rappresenterà una vera rivoluzione nel campo dell'accreditamento delle strutture socio sanitarie”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 22 Febbraio 2017 @ 19:21  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Capone in audizione Conferenza Regioni per distretto Puglia Creativa

Si è svolta nella sede della Conferenza delle Regioni a Roma, l'audizione del Distretto “Puglia Creativa”, alla quale hanno preso parte l'assessore alle Industrie Turistiche e Culturali, Loredana Capone e il Presidente del Distretto, Vincenzo Bellini. Gianni Torrenti, Assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, presidente della Commissione Cultura, ha presento l'esperienza del Distretto Puglia Creativa come una delle più interessanti best practice a livelli europeo. Bellini ha illustrato i numeri del Distretto soffermandosi sull'importanza del dialogo costruttivo e proficuo con Regione Puglia e sulla felice coincidenza delle deleghe allo sviluppo economico, turismo e cultura. La positività di questo approccio integrato si riflette soprattutto sui tre asset principali della strategia di sviluppo del distretto:Innovazione, internazionalizzazione, formazione. Un esempio concreto la si potrà vedere al Salone del mobile di Milano in un oggetto simbolo della creatività e dell'accoglienza pugliesi: una poltrona a forma di orecchietta con una felice sintesi del lavoro comune di designer e aziende.

L'idea adesso è di usare i complementi d'arredo nelle scenografie dei film girati in puglia. L'assessore Loredana Capone si è soffermata in particolare sulla dinamicità dell'economia della creatività e della cultura in Puglia che copre il 4% del PIL della regione.

"I giovani - ha sottolineato l'assessore Capone - trovano più facilmente lavoro nel settore creativo piuttosto che nei settori produttivi tradizionali. Dobbiamo fare uno sforzo per uniformare le normative regionali e superare gli ostacoli della legislazione nazionale in tema di fiscalità e di aiuti alle imprese." A questa esigenza rispondono i due progetti Europei "Chimera" e "Thalia" a partire proprio dalla definizione stessa di impresa creativa e culturale. Il progetto "Thalia" in particolare sarà presentato a Bari nel prossimo mese marzo alla presenza dei partner europei e degli assessori alla cultura delle Regioni Italiane. "Per la Puglia - ha proseguito l'assessore Capone - è stata una sfida perché ha chiamato alle loro responsabilità soggetti che erano stati spesso autoreferenziali. Oggi tutti siamo sotto giudizio rispetto alla responsabilità della spesa culturale: istituzioni, imprese, sindacati. Una scommessa che si può vincere solo con un patto tra Regione e sistema delle imprese. Un patto imprescindibile per una sfida che non possiamo permetterci di perdere".

Foto    Foto 2

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 22 Febbraio 2017 @ 18:19  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Capone: per le Tremiti una nuova grande opportunità

 La Puglia ha firmato oggi a Roma il contratto di sviluppo per i Beni Culturali e il Turismo nelle isole italiane e del Mediterraneo

Loredana Capone : “Comune, Regione e Stato insieme per fare della “Perla dell’Adriatico” un centro di eccellenza”

Tremiti, la “Perla dell’Adriatico”, diventerà presto un centro di eccellenza per la valorizzazione e tutela del paesaggio e lo Sviluppo del turismo. Anche la Puglia,infatti, ha aderito al Contratto di Sviluppo per i Beni Culturali e il Turismo nelle Isole Italiane e del Mediterraneo, con il quale ci si impegna a realizzare una strategia complessiva di difesa e conservazione della natura, di sviluppo sostenibile e adeguamento infrastrutturale materiale ed immateriale del sistema delle Isole minori. Il contratto è stato firmato oggi a Roma dall’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone, in rappresentanza della Regione Puglia. Oltre alla Puglia, hanno aderito il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, le Regioni Campania, Lazio, Liguria, Toscana, Sardegna, Sicilia e l’ANCIM - Associazione Nazionale Comuni Isole Minori.
“ Con la firma di questo che è un accordo operativo su cultura e turismo con il Governo e non un semplice protocollo d’intesa, colleghiamo le Tremiti ad un progetto complessivo sulle isole per favorire itinerari nuovi che valorizzino insieme mare, natura e bellezze dell’entroterra. Comune, Regione e Stato collaboreranno per attivare forme innovative di valorizzazione e tutela del paesaggio e di Sviluppo del turismo – ha commentato l’Assessore Loredana Capone – La “Perla dell’Adriatico”, più volte insignita della Bandiera Blu dalla Foundation for Environemental Education per la qualità delle sue acque, ha la possibilità di diventare centro di eccellenza nell’ambito dei beni culturali, paesaggistici e turistici delle isole minori. Chi ama il mare non può non andare almeno una volta nella vita alle Isole Tremiti, che dal 1996 sono entrate a far parte del Parco Nazionale del Gargano, in qualità di Riserva Naturale Marina. Questo ha permesso di preservarne l’area costiera e i fondali marini, rendendola una zona inviolabile. Ma ancora molto potremo fare, grazie anche a questo accordo, per preservare l’ambiente e per lanciare anche gli aspetti culturali legati al mito di Diomede, approdato qui esule dalla guerra di Troia, l’eroe che la leggenda vuole sia pianto dalle Aves Diomedee, gli uccelli simili ai gabbiani che popolano l’isola e che sempre secondo la leggenda, sono l’incarnazione dei guerrieri di Diomede .”

Foto

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 22 Febbraio 2017 @ 13:14  » «
Ecotassa, Santorsola: "Nuovo scaglione di incremento al 5%"

 

“Questa mattina il Consiglio, su iniziativa del Governo Regionale, ha approvato la legge di abrogazione della L.R. 25/2016 che avrebbe permesso la destinazione straordinaria in favore dei Comuni di risorse per compensare i maggiori oneri sostenuti per i conferimenti fuori bacino. La decisione ha avuto origine dalle eccezioni di illegittimità formulate dal Ministero dell’Ambiente sulla norma regionale al fine di evitare. Nello stesso giorno la Giunta ha approvato, su mia proposta, un disegno di legge che riguarda il computo Ecotassa 2017 aprendo una finestra che permette ai comuni di contenere i costi”. A dichiararlo l’Assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, Domenico Santorsola.
“Avevamo anticipato che, nonostante la scelta obbligata di abrogare la 25/2015, avremmo individuato un percorso per evitare di pesare troppo sulle tasche dei cittadini pugliesi e lo abbiamo fatto. Ovviamente – prosegue Santorsola – il provvedimento dovrà seguire l’iter consiliare prima di diventare legge e le forze politiche diranno la loro per emendare e migliorare il testo che attualmente prevede l’accesso alle agevolazioni per i comuni riescono ad implementare di un 5% la propria raccolta differenziata”.
“Va da sé che si tratta di uno strumento – conclude Santorsola – che abbiamo pensato in un’ottica di collaborazione con gli enti locali, auspicando che sia un incentivo a lavorare tutti insieme a migliorare le performance della Regione in termini di raccolta differenziata e non già uno strumento dilatorio delle responsabilità di ciascuno a immaginare un futuro del ciclo dei rifiuti libero dalla schiavitù delle discariche”.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Febbraio 2017 @ 19:47  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Un soffio per la diagnosi precoce dei tumori e dell’asma infantile

 
Capone: “Gli investimenti regionali in ricerca un dono dalla Puglia al mondo”

Non solo il tumori del colon ma anche quelli dei polmoni e altre patologie come l’asma infantile. A breve sarà possibile diagnosticarli semplicemente con un respiro. Evolve la ricerca made in Puglia sostenuta dagli incentivi regionali e realizzata dall’Università di Bari. Lo studio che cinque anni fa fece il giro del mondo per la diagnosi precoce dei tumori del colon, diventa un macchinario agile e compatto che potrà essere prodotto industrialmente e utilizzato per i pazienti di tutto il mondo. La fase di industrializzazione della scoperta pubblicata nel 2012 sul British Journal of Surgery, una delle più prestigiose riviste scientifiche internazionali, e anche le evoluzioni nelle potenzialità del macchinario, sono state presentate oggi all’Università di Bari.
Per la Regione Puglia era presente l’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone: “Abbiamo sostenuto questo progetto sin dalla nascita – ha detto – e adesso lo vediamo crescere e prepararsi non solo a conquistare fette di mercato, ma a semplificare la vita dei cittadini e delle cittadine”.
“Poter ottenere una diagnosi precoce semplicemente soffiando è un’evoluzione straordinaria, è un dono della Puglia al mondo. La Regione ci ha creduto, così come crede nel grande potere moltiplicatore di un investimento in ricerca. Questo progetto in particolare si è aggiudicato l’incentivo della Rete dei laboratori pubblici di ricerca, nella fase iniziale, e oggi quello dei Cluster tecnologici regionali. Un investimento complessivo di neanche 2 milioni di euro che genera tuttavia vantaggi e benefici enormi per la salute dell’uomo”.
“Per questo – ha aggiunto l’assessore – con la nuova programmazione del fondi strutturali abbiamo chiesto alle imprese di fare ancora più ricerca. Le aziende ci hanno ascoltato ed hanno impresso un’accelerazione straordinaria. Oggi sono quasi 366 milioni gli investimenti già programmati in ricerca e sviluppo in poco più di un anno e mezzo. In questi progetti spesso le università pugliesi sono parte attiva. A loro chiediamo di assumere in pieno questo ruolo nella ricerca industriale, sfruttando tutte le opportunità offerte dai nostri incentivi”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Febbraio 2017 @ 16:49  » «
Curcuruto.Sul BURP la delibera per l'ampliamento dei SIC Rauccio e Costa Otranto

 E' stata pubblicata sul BURP di venerd' 17 febbraio, la delibera g.r.   n. 134che propone  l’ ampliamento a mare dei Siti di Importanza Comunitaria “Rauccio” codice IT9150006 e “Costa Otranto-Santa Maria di Leuca” codice IT9150002”. Ne dà notizia l'assessore  alla Pianificazione Territoriale Anna Maria Curcuruto,che  aggiunge: “con questo atto si risolvono le insufficienze e riserve scientifiche rilevate dalla Commissione europea nei confronti della Rete Natura 2000 della Regione Puglia, a causa della mancanza di Siti di Importanza Comunitaria marini istituiti ad hoc per la conservazione degli habitat 1170 “Scogliere” e 8330 “Grotte marine sommerse o semisommerse”, habitat marini presenti in Allegato I alla Direttiva 92/43/CE .
“Non meno importante-aggiunge l'assessore- l’aspetto della ricaduta positiva che l’auspicato ampliamento dei due siti di importanza comunitaria potrà avere sul settore del turismo, sempre più selettivo sui temi ambientali, e sulla difesa delle peculiarità della nostra costa trattandosi di aree marine riconosciute a livello nazionale ed internazionale come hot spot di biodiversità”.
--

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Febbraio 2017 @ 16:04  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Giunta regionale: finanziate prossime edizioni Bif&st e Medimex

 

 

La Giunta Regionale ha approvato gli accordi di cooperazione con Teatro Pubblico Pugliese e Apulia Film Commission per la attività in programma nel 2017 per un totale di oltre 5milioni di euro (1.700.000 per Apulia Film Commission e 3.500.000 per Teatro Pubblico Pugliese entrambi a valere sul Patto per la Puglia FSC 2014-2020) che andranno a finanziare numerose iniziative e le edizioni 2017 del Bif&st - Bari International Film Festival e del Medimex. “Con questi accordi – commenta l’assessore Loredana Capone – diamo corpo all’offerta culturale regionale, alla promozione della nostra regione nel Mondo e facciamo un passo avanti nella definizione delle politiche culturali dei prossimi anni che stiamo delineando attraverso Piiil Cultura, il piano strategico della Cultura per la Puglia. Con questi accordi non solo finanziamo le prossime edizioni di Bif&st e Medimex, che rappresentano le colonne portanti dell’attività culturale pugliese, ma sosteniamo più in generale lo sviluppo della filiera culturale pugliese. Con un intervento complessivo di 5.200.000 diamo un importante impulso alla valorizzazione della Cultura e della creatività pugliese e rafforziamo il posizionamento del Brand Puglia sui mercati nazionali e internazionali”.

 

L’accordo di cooperazione tra Regione Puglia e Teatro Pubblico Pugliese prevede la promozione e il sostegno di attività culturali e di spettacolo dal vivo in Puglia, la crescita e la formazione del pubblico, il rinnovamento e l’internazionalizzazione della scena, lo sviluppo della filiera dello spettacolo, delle connesse professionalità artistiche, tecniche ed imprenditoriali che operano nella regione e dell’attrattività del territorio pugliese attraverso lo spettacolo dal vivo e in particolare attraverso la musica. Inoltre sono previste attività finalizzate al miglioramento delle competenze artistiche e professionali pugliesi e alla capacità di presenza sul mercato nazionale e internazionale e quindi la competitività. Inoltre l’accordo di cooperazione prevede ulteriori 135mil euro per la realizzazione di attività “work in progress” di Piiil Cultura, Piano Strategico della Cultura per la Puglia.

 

L’accordo di cooperazione tra Regione Puglia e Apulia Film Commission prevede la realizzazione di “Mostre e Festival cinematografici e dell'audiovisivo pugliesi (edizioni 2017)”: Bif&st - Bari International Film Festival 2017, Festival del Cinema Europeo di Lecce, Festival del Cinema del Reale di Specchia, Il Festival del Film Francese “Vive le Cinema di Acaya” e Festival OFFF – Otranto Film Fund Festival. Festival che si propongono di diversificare e destagionalizzare le iniziative culturali organizzando specifici eventi legati al settore cinema e audiovisivo e capaci di attrarre un pubblico variegato, non soltanto di operatori del settore, ma anche di turisti presenti dall’Italia e dall’estero. Siamo sempre più convinti che la strada dell’integrazione tra le politiche culturali e turistiche sia una delle leve per lo sviluppo della nostra terra e che le ricadute sul territorio siano importanti sia in termini economici che di capitale umano, rendendo sempre più attrattiva la Puglia per investitori e turisti colti e attenti”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Febbraio 2017 @ 15:00  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Riduzione in schiavitù nel tarantino.Dichiarazione Regione

 Con riferimento a quanto annunciato e proposto dal Segretario Generale della CGIL Puglia, Pino Gesmundo, durante una conferenza stampa tenutasi ieri su un drammatico caso di riduzione in schiavitù finalizzata allo sfruttamento lavorativo che ha coinvolto un gruppo di donne e uomini rumene nella provincia di Taranto, il dirigente della Sezione Sicurezza del cittadino, politiche per le migrazioni ed antimafia sociale della Regione Puglia, Stefano Fumarulo, commenta così: “la Regione raccoglie l’invito del Segretario Generale della CGIL Puglia. Il Protocollo sperimentale di contrasto al caporalato, firmato nel maggio del 2016 con i Ministeri dell’Interno, del Lavoro e dell’Agricoltura, le organizzazioni sindacali e datoriali e alcune realtà del terzo settore ha individuato in Puglia solamente le province di Foggia, Lecce e Bari come luoghi sui quali focalizzare l’attenzione. Le attività di indagine e le denunce delle vittime dimostrano quanto sostenuto anche dalla Regione Puglia: il problema, indipendentemente dall’aspetto numerico, riguarda vaste porzioni del territorio. Con riguardo alle vittime che hanno denunciato – conclude Fumarulo – è stata attivata la rete regionale ‘la Puglia non tratta’ al fine di avviare immediatamente quanto necessario per proteggere le donne e gli uomini coinvolti in questa tragica vicenda”.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Febbraio 2017 @ 14:03  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Secondo appuntamento MiCS. Oggi a Brindisi

 



Oggi pomeriggio dalle 15.30 alle 18.30 presso il Palazzo della Provincia di Brindisi in via Annibale de Leo si terrà il secondo appuntamento di MiCS, il percorso avviato dalla Regione Puglia per la costruzione del Piano triennale delle politiche per le migrazioni. Così come avvenuto durante la tappa di Lecce il 9 febbraio scorso, anche a Brindisi l’incontro odierno aperto alla cittadinanza, al mondo del terzo settore e delle organizzazioni sindacali si baserà su una discussione operativa sui quattro assi principali: politiche del lavoro, politiche abitative, politiche dell’integrazione e politiche della salute.

Il percorso di ascolto dei territori non può prescindere dal coinvolgimento degli Enti Locali. Ieri il dirigente della Sezione Politiche per le migrazioni della Regione Puglia, Stefano Fumarulo, ha incontrato il Presidente della Provincia di Lecce, Antonio Maria Gabellone, e Sindaci e Assessori al ramo dei comuni della provincia di Lecce. Durante la riunione sono stati affrontati temi che saranno oggetto di sviluppo ulteriore nella discussione: dalla rilevanza dei progetti SPRAR alle criticità rappresentate dalla presenza dei CAS, dalla necessità di rafforzare i processi di sensibilizzazione della cittadinanza alla esigenza di una maggiore sinergia con le Prefetture.

Al 31 dicembre 2015 risultano essere residenti in Puglia 122.724 cittadini stranieri, con un’incidenza del 3% sulla popolazione totale (al di sotto della media del Sud Italia 4,0% e lontano da quella nazionale 8,3%). In Puglia è presente il 2,4% del totale degli immigrati residenti in Italia. Tenuto conto che continueranno i flussi di migranti nella loro composizione mista (richiedenti asilo e lavoratori) e che, come previsto dalle proiezioni dell’Istat, persisteranno le esigenze demografiche dell’Italia, il processo inclusione incarna una sfida importante per la società accogliente.

Tutte le informazioni, i materiali di approfondimento e il form per l’iscrizione sono disponibili sul sito www.mics.regione.puglia.it. Attiva la pagina facebook di MiCS Puglia all’indirizzo https://www.facebook.com/MiCSPuglia

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 21 Febbraio 2017 @ 13:34  » Prossimi appuntamenti e conferenze stampa «
Ilva, riunione al Mise per la Cassa integrazione

Emiliano: “La Regione metterà a disposizione tutte le somme di cui dispone”.

 

ROMA - “Per noi l’Ilva rimane tra le questioni industriali, ambientali e di salute, la priorità della Puglia e la mia presenza qui, sia pure in una riunione tecnica di discussione sulla cassa integrazione, lo testimonia. Mi è parso necessario essere qui, proprio per far presente a tutti l’importanza che noi attribuiamo a tutta la vicenda Ilva.”.

Così il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano intervenendo questo pomeriggio a Roma presso il Ministero dello Sviluppo Economico, al tavolo con Ilva e sindacati convocato dal Vice Ministro Teresa Bellanova per affrontare la questione relativa alla cassa integrazione straordinaria per circa quattromila operai.

“Nel merito dell’incontro – ha spiegato Emiliano ai giornalisti – il punto fondamentale è questo: gli strumenti degli ammortizzatori sociali necessari in questa fase ricadono tutti sulle finanze della Regione Puglia. Ovviamente, i numeri di questa operazione sono molto elevati e sebbene la Regione abbia messo a disposizione tutte le somme di cui dispone, temo sia necessaria un’integrazione da parte del Governo centrale”.

  Foto             Link video:    https://goo.gl/xBeb4Y

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 20 Febbraio 2017 @ 19:13  » Comunicati S. Stampa Presidente «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)